Tag

, , , , , , ,

20171203_142154crop xmery

 

“Una strada di terra

che inizia

ai confini del niente

E il mio tutto

che ancora si ostina

a cercare una via…”

 

Xmery.

16 modi di dire verde (live) – di Niccolò Fabi (dall’album Ecco-2012)

 

Un blues intimo e corale al tempo stesso, una melodia lenta e sognante con la forza di una freccia che arriva al bersaglio, coma la copertina del disco suggerisce.

Un testo che racconta ancora del viaggio. Del viaggio che salva, che rivela, che permette confronti e comprensione. Così un uomo dell’Amazzonia ha 16 modi per dire la parola verde, perché si suppone sia essenziale alla sua sopravvivenza distinguerne le diverse e infinite sfumature in una foresta pluviale. Così un uomo occidentale invece ha una sola parola, una soltanto! per definire un evento tanto importante, drammatico e di immane portata come un addio, senza poterne raccontare le mille diverse sfaccettature se non aggiungendo aggettivi, senza un vocabolario che gli regali le giuste parole. Come se sopravvivere agli addii non fosse altrettanto essenziale nella vita di un uomo, tanto come riconoscere 16 tipi di verde per sopravvivere nella foresta pluviale.

 

Testo:

Una strada di terra che inizia ai confini del niente
e il mio tutto che ancora si ostina a cercare una via
i pensieri che più della sabbia mi bruciano gli occhi
questi occhi che ancora ringraziano di essere qui
e la notte qui è notte davvero è la madre del buio
ed il nero è soltanto un colore della realtà.

Così un uomo sa sedici modi per dire verde
ed un altro ne ha un altro soltanto per dire addio
l’immondizia non è solamente quella che si vede
essere bianco non è esattamente essere candido
e gli uomini perdono tempo perché ne hanno
e le donne sopportano i pesi meglio di me
e tutti camminano sempre ma poi per dove
tanto un albero è come un ombrello se piove.

Un viaggio regala a ognuno la sua storia
io sono convinto che mi salverò
così come ogni ritorno ha la sua gloria
un altro cerchio che si chiuderà
una strada di terra che inizia ai confini del niente
e il mio tutto che ancora si ostina a cercare una via,
a cercare una via, a cercare una via.