Tag

, , , , , ,

P1160482 xmery

Esperimento. Che fare quando devi ripulire la centrifuga, appena ti sei bevuto un fantastico succo di arancia, mela, carote e zenzero?….Devi prendere una decisione spinosa: o buttare tutto lo scarto di fibra che si è formato spremendo la frutta (e per lo più, a casa mia, ciò che rimane ha sempre quel maledetto bel colore arancione squillante,… che non è una faccenda da sottovalutare! :-D) oppure farsi venire un’idea, una qualsiasi pur di non sprecare quelle frattaglie vegetali, che ora nella frenesia di decidere il da farsi, diventano fonte preziosissima di ogni immaginabile sostanza benefica… 😀

Così è nata questa torta! Partendo da una ricetta ben collaudata, aggiungendo, togliendo, bilanciando…..e il risultato è stato ottimo!…un colore giallo intenso come solo una Carrot Cake, ma un sapore e una fragranza da torta preziosa, mica un ciambelline scialbo da “tut i dé”! 😉  Da rifare rigorosamente dopo ogni centrifugato…(che se i succhi ti depurano, poi ci vorrà pure un modo per rientrare nel range! :-D)

Ingredienti per teglia da 28 (12 porzioni):

200 gr. di residuo di frutta centrifugata

(3 carote, 2 arance, 1/2 mela, 3 cm di radice di zenzero fresca)

1 cucchiaio di zucchero (20 gr.)

2 cucchiai di succo di limone (15 gr.)

Torta:

200 gr. di farina 00

100 gr. di fecola di patate

240 gr. di zucchero

250 gr. di burro fuso

15 gr. di olio d’oliva

40 gr. di latte

5 uova intere

1 dose di lievito per dolci

70 gr. di pinoli

Procedimento:

affinché la frutta non perda il suo bel colore brillante, aggiungere subito al residuo un po’ di succo di limone con un cucchiaio di zucchero: mela e carote infatti tendono a ossidarsi in fretta a contatto con l’aria. In questo modo la fibra si reidraterà e riacquisterà anche un po’ di sapore, in attesa di essere usata come ingrediente per la torta.

P1160884 xmery

Montare quindi tuorli e zucchero con le fruste, per una decina di minuti buoni, poi aggiungere il burro leggermente fuso e appena morbido, con la spatola:

P1160447 xmery

a seguire, l’olio, poi il latte, mescolando adagio fino a ottenere un impasto molto morbido e gonfio.

A questo punto aggiungere anche il residuo di frutta, e poi piano piano la farina e la fecola a cui già si è aggiunto il lievito. Per ultimo aggiungere i 5 chiari d’uovo montati a neve ferma:

P1160448 xmery

Come sempre mescolare delicatamente con un cucchiaio, dall’alto al basso, per non smontare l’impasto:

P1160450 xmery

Io ho messo anche i pinoli, che trovo siano molto ben indovinati in questa torta così rustica. Ne ho aggiunti 40 gr. mescolati all’impasto e altri 30 gr. sopra la torta, prima di infornare, con una spolverizzata di zucchero a velo:

P1160454 xmery

Cuocere in forno a 180° per almeno 50 min (è un impasto pesante e bagnato che necessita di un tempo prolungato, per asciugare bene).

P1160462 xmery

P1160482 xmery

Il risultato è una torta ben lievitata, fragrante e profumata di burro, ma con quel tocco di rusticità dato dalla fibra che si sente a tratti sotto i denti, così come dal sapore dei pinoli che così bene si sposano alle carote.

Ottima (ma davvero!) a colazione e a merenda!

Xmery.