Tag

, , ,

P1100879-crop xmery

In una sola parola è racchiusa la potenza della vita, del creato e del creare, la disperazione e l’estasi, Dio e il più carnale dei peccati…..

(…una barbarie averla sprecata per pubblicizzare una lametta da barba,…. davvero imperdonabile!)

Jeff Buckley- Hallelujah (1994)

Leonard Cohen -live- Hallelujah (2009)

Beppe Dettori (Tazenda) -Hallelujah (2012)

Espen Lind, Askil Holm, Alejandro Fuertes, Kurt Nilsen -live- Hallelujah- (2006)

Hallelujah.

 

Well I heard there was a secret chord

that David played and it pleased the Lord,

but you don’t really care for music, do you?

Well it goes like this: the fourth, the fifth,

the minor fall and the major lift,

the baffled king composing Hallelujah!….Hallelujah…

 

Sai, si dice ci sia un accordo segreto

che Re Davide suonò per il Signore,

ma a te in realtà non importa della musica vero?

Faceva così: lFa (la quarta), Sol (la quinta),

La min cala e il Fa (maggiore) sale,

questo Halleluja del Re confuso…

 

Well, your faith was strong but you needed proof,

you saw her bathing on the roof:

her beauty and the moonlight overthrew you…

And she tied you to her kitchen chair,

she broke your throne and she cut your hair,

and from your lips she drew the Hallelujah…. Hallelujah….

 

Bene, re, la tua fede era forte ma avevi bisogno di prove,

la vedesti mentre si lavava fuori in terrazza,

bellissima alla luce della luna,

lei ti legò alla sedia, prigioniero,

spezzò il tuo trono, ti levò ogni potere

e ti strappò dalle labbra l’Hallelujah!

 

(Yeah but) Baby I’ve been here before

I’ve seen this room and I’ve walked this floor, (You know)

I used to live alone before I knew you

And I’ve seen your flag on the marble arch

and love is not a victory march!

It’s a cold and it’s a broken Hallelujah… Hallelujah….

 

Bambina, sappi, non sei la prima,

ho già calcato questo palcoscenico,

vivevo solo, da uomo libero, prima di conoscerti,

poi sei arrivata tu e hai piantato la tua bandiera di vittoria,

ma l’amore non è una marcia trionfale….

l’amore è una malattia, un Hallelujah spezzato…

 

Well there was a time when you let me know

What’s really going on below

But now you never show that to me do you

But remember when I moved in you

And the Holy Dove was moving too

And every breath we drew was Hallelujah

 

Sai, c’era un tempo in cui mi lasciavi entrare,

mi mostravi cosa succedeva dentro di te,

ma ora non è più così, vero?

Ricordi i giorni quando mi sentivi muovere

dentro di te, e concepimmo quel figlio,

e ogni nostro respiro era un Hallelujah?… Hallelujah….

 

Maybe there’s a God above

but all I’ve ever learned from love

Was how to shoot somebody who outdrew you

And it’s not a cry that you hear at night

It’s not somebody who’s seen the light

It’s a cold and it’s a broken Hallelujah…

 

Forse c’è davvero un Dio lassù,

ma tutto ciò che in vita ho imparato dall’amore

è sparare prima di essere colpito…

perché l’amore non è un ululare nella notte,

non è vedere la luce,

è solo un tremendo male, un Hallelujah infranto.

 

Scritta nel 1984 da Leonard Cohen questa canzone passò inosservata fino al 1994, quando l’interpretazione di Jeff Buckley venne pubblicata all’interno del suo unico album ‘Grace’ e diventò un successo mondiale.

Musica magistralmente abbinata a un testo che con sapienza mescola riferimenti bibblici con espliciti erotici. Così l’alleluja è sia il canto di Re Davide al Signore, sia i gemiti di un orgasmo, ma anche il lamento rotto dell’amore che finisce; nello stesso modo, nell’abbraccio di un amplesso, è lo Spirito Santo che fa concepire un figlio, la Santa Colomba che si muove insieme agli amanti, estremo paradosso tra sacro e profano.

 

Xmery.