Tag

, , , , , ,

IMGP8627 xmery

Questa ricetta è nata prendendo spunto da una tavoletta squisita acquistata a Aix-en-Provence lo scorso autunno. Ne è nato un qualcosa di non ben definito,…:-D….che è piaciuto molto a casa (ma essendo tutti affetti da cacao dipendenza, non so se il giudizio sia attendibile….) secondo me deve essere ancora sottoposto a modifiche e aggiustamenti….Lo propongo così com’è venuto, se qualcuno vorrà provarlo e dirmi la sua, ben venga!…..Sono bene accetti anche consigli su come effettuare eventuali variazioni. 

Ingredienti:

500 gr. di cioccolato fondente extra al 52%
100 gr. di mandorle spellate
100 gr. di nocciole
50 gr. di canditi all’arancia tritati
100 gr. di canditi all’arancia a listarelle grosse
50 gr. di cereali al cioccolato
50 gr. di cioccolato bianco a dadini

Procedimento:

Far tostare mandorle e nocciole per qualche minuto in forno, con un cucchiaio di zucchero, che darà un po’ l’effetto croccantino. Quindi tagliarle molto grossolanamente, alcune devono risultare ancora intere. Sminuzzare 50 gr. di canditi all’arancia e intanto fondere il cioccolato a bagnomaria, lentamente. A quel punto lasciarlo appena intiepidire muovendolo, aggiungere le mandorle, le nocciole, i cereali e i canditi, mescolare l’impasto e poi rovesciarlo su una superficie piana che lo contenga sui bordi, lasciandolo a uno spessore di circa 1 cm. Io ho usato una teglia di pyrex, ma ci voleva qualcosa di più piatto sul fondo, per ottenere l’effetto di una vera tavoletta di cioccolato. Col cioccolato che ancora deve indurirsi, decorare la superficie con le strisce di candito, schiacciandole un po’ per farle affondare, almeno in parte. Come ultimo tocco, aggiungere alla superficie il cioccolato bianco fatto a dadini piccoli, come granella, facendo attenzione che l’impasto non sia troppo caldo (e non rischiare che i dadini ci fondano sopra) ma che sia sufficientemente tiepido, da incorporare il cioccolato bianco senza lasciarlo staccare.

IMGP8618-crop xmery

Note. Altro dubbio che mi è rimasto: ho lasciato l’impasto tale e quale, duro e croccante, perché l’effetto fosse quello di una tavoletta di cioccolato fondente, come quella assaggiata in Provenza, ma vorrei provare ad aggiungere un tocco di burro e vedere se un impasto più morbido, insieme a tutti quegli ingredienti croccanti, potrebbe risultare più gustoso.

Xmery.